FAQ

Domande e risposte su Antibiotico-resistenza e Superbatteri

L’antibiotico-resistenza è un fenomeno per cui i batteri diventano resistenti quando esposti ad antibiotici usati per trattare le infezioni da loro causate, (3) un processo naturale accelerato quando gli antibiotici sono costantemente presenti nell'ambiente o negli organismi che ospitano i germi, in particolare quando vengono prescritti e utilizzati in modo improprio. (2) La resistenza che si sviluppa in un organismo o in un luogo può diffondersi rapidamente, attraverso lo scambio di materiale genetico, tra diversi batteri e può influenzare il trattamento antibiotico di un'ampia gamma di infezioni e malattie. (5)

A differenza dell’antibiotico-resistenza, che si riferisce solo ai batteri, la resistenza antimicrobica è un termine più ampio, usato per descrivere la resistenza ai farmaci che trattano le infezioni causate da diversi microbi, come batteri, parassiti, virus e funghi. (1) La resistenza antimicrobica si manifesta quando i microrganismi esposti ai farmaci antimicrobici diventano meno suscettibili, principalmente a causa di cambiamenti genetici. (3) Di conseguenza, i farmaci antimicrobici diventano inefficaci e le infezioni persistono nel corpo. (3)

Molti dei piani d'azione globali sono applicabili ai meccanismi di resistenza sia nei batteri che in altri microrganismi. (5)

Gli antibiotici sono medicinali che possono uccidere o inibire la crescita dei batteri responsabili delle infezioni. (4) Possono essere efficaci contro uno o più tipi di batteri: (4) in quest'ultimo caso sono indicati come antibiotici ad ampio spettro. (2) Esistono diverse classi di antibiotici che differiscono tra loro per struttura chimica e meccanismo d'azione; questi possono determinare la scelta dell'antibiotico in specifici batteri infettivi. (4)

L'abuso di antibiotici, il dosaggio inappropriato e la durata della somministrazione possono portare all'aumento e alla diffusione della resistenza antimicrobica. (5)

 

I batteri resistenti agli antibiotici, chiamati anche superbatteri, sono microrganismi che trovano costantemente nuove strategie per superare gli effetti degli antibiotici per loro nocivi. (2) La produzione di proteine ​​specifiche da parte dei batteri determina i meccanismi di resistenza che cambiano nel tempo portando a infezioni persistenti. (2)

Quando i batteri diventano resistenti possono condividere i loro geni di resistenza con altri batteri che non sono ancora stati esposti agli antibiotici, rendendo il farmaco inefficace. Questo meccanismo è alla base del fenomeno noto come multiresistenza agli antibiotici che porta a infezioni non trattabili o difficili da trattare. (2)

La resistenza agli antibiotici è stata rilevata in tutto il mondo. Nuove forme di resistenza possono diffondersi facilmente tra i continenti attraverso gli spostamenti di persone, merci e animali. L’antibiotico-resistenza può colpire chiunque in qualsiasi fase della sua vita. I gruppi particolarmente vulnerabili includono persone con condizioni patologiche preesistenti, un sistema immunitario indebolito e gli anziani, che sono spesso a maggior rischio di contrarre infezioni. (2)

Poiché sono pochi i farmaci sostitutivi attualmente in cantiere, senza azioni coordinate e immediate su scala globale il mondo si dirigerà verso un'era post-antibiotica in cui le infezioni comuni potrebbero tornare ad essere letali. (5)

La resistenza si sviluppa più rapidamente a causa dell'uso inappropriato di farmaci antibiotici. (5) Oltre ai meccanismi di resistenza presenti in natura, l'uso improprio ed eccessivo di antibiotici può causare un aumento della diffusione di germi resistenti. (5)

Ad esempio, gli antibiotici possono diventare una seria preoccupazione nella diffusione della resistenza se usati per infezioni non batteriche, per un periodo di tempo più breve e ad una dose inferiore a quella prescritta, oppure non considerando il corretto meccanismo d'azione nei confronti di un ceppo specifico. (4)

Le istituzioni monitorano costantemente i microrganismi per tenere sotto controllo la diffusione dell’antibiotico-resistenza. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha stilato un elenco delle esigenze prioritarie più elevate per nuovi antibiotici. L'elenco dell'OMS è suddiviso in tre categorie in base all'urgenza della necessità di nuovi antibiotici: priorità critica, alta e media. (8) Nell’elenco dei patogeni prioritari stilato dall'OMS per la ricerca e lo sviluppo di nuovi antibiotici (8), tra le priorità critiche si possono trovare:

  • Acinetobacter baumannii, resistente ai carbapenemi
  • Pseudomonas aeruginosa, resistente ai carbapenemi
  • Enterobacterales* , resistenti ai carbapenemi, produttori di ESBL

*Enterobacterales includono Klebsiella pneumonia, Escherichia coli, Enterobacter spp., Serratia spp., Proteus spp., And Providencia spp, Morganella spp.

Lo Staphylococcus aureus è un batterio comune, presente sulla pelle e sulle mucose nel 20-30% delle persone sane. A volte può causare infezioni se viene introdotto nel corpo. In genere provoca infezioni della pelle e delle ferite, ma può causare infezioni polmonari, del sito chirurgico, del flusso sanguigno, del cuore, delle ossa e altre infezioni invasive. Quando è resistente alla meticillina e a molti altri antibiotici, viene definito MRSA, acronimo di "Staphylococcus aureus resistente alla meticillina". (4)

Tipicamente, l'MRSA che si trova negli ospedali è resistente a molti altri antibiotici e viene acquisito principalmente attraverso il contatto diretto da uomo a uomo o tramite apparecchiature o dispositivi medici. L'uso di antibiotici è anche associato a un rischio più elevato di rimanere contagiati da MRSA. (4)

 

Le infezioni batteriche possono essere fermate evitando la diffusione di germi e migliorando la prevenzione delle infezioni, sia nella vita quotidiana che nelle strutture sanitarie, e utilizzando antibiotici solo quando necessario.

Fermare la diffusione di minacce di resistenza nella comunità richiede interventi su misura da parte delle istituzioni, come regole igieniche semplici e fondamentali, vaccinazioni di routine, pratiche sessuali più sicure e preparazione di cibi privi di batteri contaminanti. (2)

 

I batteri resistenti agli antibiotici possono diffondersi tra le persone che causano infezioni con o senza sintomi (2). In molti casi i sintomi delle malattie provocate dai superbatteri possono essere molto simili a quelli provocati dalle infezioni più comuni; l'unica differenza è nella durata e nella reattività agli antibiotici. (2) (7)

Quando i farmaci sono inefficaci contro i batteri resistenti, le infezioni possono persistere più a lungo nel corpo, aumentando così anche il rischio di diffusione. (3)

Ci sono poche prospettive per lo sviluppo di nuovi antibiotici a breve termine, poiché nessuna nuova grande classe di antibiotici è stata scoperta dal 1987 ed è stato sviluppato un numero esiguo di agenti antibatterici per affrontare la sfida della multiresistenza. (5) Sono necessari nuovi concetti per promuovere l'innovazione e fornire nuove tecnologie globali per prevenire, diagnosticare e trattare le infezioni resistenti. (5)

È imperativo che gli interventi per limitare la diffusione della resistenza siano implementati a livello globale, in modo che l'attuale armamentario di antibiotici sia utilizzato con giudizio. (5)

 

L'obiettivo a lungo termine di un piano d'azione globale è garantire la continuità dei trattamenti di successo e della prevenzione delle malattie infettive con medicinali efficaci, sicuri e di qualità garantita, accessibili e utilizzati in modo responsabile a tutti coloro che ne hanno bisogno. (5)

A tal fine, gli interventi di stewardship antibiotica sono volti a migliorare il modo in cui gli antibiotici vengono prescritti e utilizzati, seguendo procedure sia per gli operatori sanitari che per i pazienti, sensibilizzando sulle malattie batteriche e l'importanza della resistenza agli antibiotici. (2)

I batteri resistenti ai farmaci possono circolare tra le persone e gli animali, attraverso il cibo, l'acqua e l'ambiente, poiché la trasmissione è influenzata dal commercio, dai viaggi e dalla migrazione umana e animale. (5)

Poiché i batteri resistenti possono essere reperibili nei prodotti alimentari per il consumo umano, è fondamentale osservare le norme igieniche come il lavaggio, la cottura e la conservazione degli alimenti in modo corretto per evitare contaminazioni e spargimenti. (5) (2)

I carbapenemici sono una classe specifica di antibiotici che svolge un ruolo fondamentale e importante fra le risorse terapeutiche antibiotiche. Fra i numerosi β-lattamici disponibili, i carbapenemi possiedono il più ampio spettro di attività e la massima potenza contro i batteri Gram-positivi e Gram-negativi

Di conseguenza, vengono spesso utilizzati come "antibiotici di ultima istanza" quando i pazienti con infezioni si ammalano gravemente o si sospetta che siano infettati da batteri resistenti. (9) 

La resistenza ai carbapenemi si verifica quando un particolare gruppo di batteri è in grado di superare gli effetti di questa classe di antibiotici. (2) Alcuni batteri della famiglia degli Enterobacterales resistenti ai carbapenemi (CRE) sono resistenti a quasi tutti gli antibiotici. Rappresentano una delle principali preoccupazioni per i pazienti nelle strutture sanitarie, come quelli che richiedono l’uso di dispositivi medici o seguono lunghi cicli di cura con antibiotici. (2)

CRE può veicolare elementi genetici mobili che vengono facilmente condivisi tra i batteri, producendo un enzima che rende inefficaci gli antibiotici carbapenemici e diffonde rapidamente la resistenza. (2)

L'obiettivo di tenere sotto controllo l’antibiotico-resistenza è raggiungibile solo se i piani globali forniscono regole sulla consapevolezza della malattia, la prescrizione di farmaci e l'organizzazione dei sistemi sanitari che possono essere applicate e implementate da ogni paese. (5)

La stewardship è un approccio globale volto a ottimizzare la prescrizione e l'uso di antibiotici tra operatori sanitari e pazienti, condividendo pratiche per la selezione, il dosaggio e la durata dei trattamenti antibiotici in modo che si traducano nel miglior risultato clinico. (6)

L'impegno di Menarini per fermare la resistenza antimicrobica inizia con la sensibilizzazione sull'uso corretto di antibiotici, sulle malattie infettive e sulle azioni globali per prevenire un'ulteriore diffusione della resistenza antibiotica in tutto il mondo.

 
MC-ID-05-2021-IT
Sources
  1. https://www.who.int/features/qa/75/en/  
  2. www.cdc.gov/DrugResistance/Biggest-Threats.html
  3. https://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/antimicrobial-resistance
  4. https://antibiotic.ecdc.europa.eu/en/get-informedfactsheets/factsheet-general-public
  5. https://www.who.int/antimicrobial-resistance/publications/global-action-plan/en/
  6. BSAC-AntimicrobialStewardship-FromPrinciplestoPractice-eBook
  7. Superbugs_ Types, Symptoms, Treatment & Prevention
  8. https://www.who.int/news-room/detail/27-02-2017-who-publishes-list-of-bacteria-for-which-new-antibiotics-are-urgently-needed
  9. Papp-Wallace ANTIMICROBIAL AGENTS AND CHEMOTHERAPY, Nov. 2011, p. 4943–4960 2011